Come risolvere un conflitto 👀

5 modi per risolvere un conflitto in modo efficace

 

conflitto

 

Varie strategie per affrontare un conflitto di interessi nel modo più costruttivo possibile.

 

I modi in cui un conflitto può essere efficacemente risolto possono variare a seconda di come viene intesa la nozione stessa di conflitto.

Esse possono inoltre variare in funzione del contesto specifico nel quale si inseriscono.

Per esempio, una strategia per risolvere un conflitto all’interno della famiglia può non essere efficace, ma può essere efficace per risolvere un conflitto all’interno di un’organizzazione.

Tuttavia, le scienze sociali ci hanno offerto diverse linee guida per generare strategie di risoluzione più o meno applicabili a contesti diversi.

Di seguito una breve definizione di conflitto offerta dalla psicologia, seguita da 5 modi di risolvere il conflitto effettivamente proposti da alcuni esperti in teorie di conflitto e negoziazione.

 

 

Che cos’è un conflitto?

 

La psicologa organizzativa Mary Parket Follet definisce il conflitto come il risultato di una differenza, che a sua volta è un’interazione di desideri.

Al di là dei pregiudizi etici (che il conflitto sia positivo o negativo), si tratta dell’emergere di una divergenza di opinioni e di interessi.

Secondo Domínguez Bilbao e García Dauder (2005), la comprensione del conflitto ha avuto diverse sfaccettature nel corso della sua storia.

In precedenza, è stato compreso e trattato come un elemento negativo, e quindi, qualcosa da evitare.

Da lì, la causalità del conflitto è stata compresa da elementi disfunzionali, che sono stati poi tradotti in comportamenti e situazioni individuali, di gruppo o comunicative.

Successivamente, il conflitto è stato pensato in base alla sua bontà, cioè ai suoi possibili vantaggi.

Da allora, il conflitto è stato assunto come un elemento inevitabile all’interno dei gruppi e delle organizzazioni, non necessariamente negativo, ma come un’ulteriore opportunità per allargare gli orizzonti di interazione e di gestione.

 

5 strategie per risolvere efficacemente un conflitto

 

Le teorie del conflitto e della negoziazione si sono sviluppate in modo significativo in psicologia, specialmente nel campo delle organizzazioni, ma anche in altre aree dove si analizzano le relazioni interpersonali.

Nel 1981, gli esperti americani in risoluzione dei conflitti e negoziazione, William Ury, Roger Fisher e Bruce Patton, hanno pubblicato un libro chiamato “Ottieni il SI”.

In questo, hanno descritto 5 modi per risolvere un conflitto in modo efficace, attraverso il negoziato.

Questi moduli sono ancora validi oggi e possono essere applicati in diversi contesti.

Questi sono descritti di seguito.

 

 

1. Il problema non sono le persone.

 

Il conflitto ha effetti a livello di esperienze individuali, vale a dire coinvolge emozioni, valori e punti di vista.

In molti casi questo aspetto viene dimenticato o non viene considerato prioritario perché ci concentriamo maggiormente sugli interessi organizzativi.

In questo caso, gli autori spiegano che una negoziazione efficace inizia separando le persone dal problema, cioè analizzando il problema indipendentemente da chi ne attribuiamo la responsabilità.

Per fare questo, essi raccomandano di pensare che i conflitti abbiano le loro radici in una delle seguenti tre dimensioni: percezione, emozione o comunicazione.

Riconoscere quest’ultimo per rimanere empatico nei confronti degli altri, per non attribuire la responsabilità del conflitto ad altri ed evitare reazioni emotivamente esplosive.

Può anche aiutarci a rimanere concentrati sui nostri interessi per non cedere più del necessario.

 

 

2. La cosa principale sono gli interessi

 

In linea con quanto sopra, gli autori ci dicono che dietro le posizioni che le persone assumono di fronte ai conflitti c’è una serie di interessi che ci motivano, e a volte si nascondono.

Se, invece di rimanere fermi nelle nostre posizioni, ci preoccupiamo di esplorare gli interessi che ci sono dietro, molto probabilmente scopriremo che ci sono bisogni e interessi condivisi e condivisibili.

Quest’ultimo, a sua volta, ci consente di giungere a un negoziato efficace.

In breve, poiché i conflitti sono innanzi tutto un confronto di interessi diversi, è importante concentrarsi su di essi piuttosto che sulle posizioni che prendiamo individualmente.

 

 

3. Cercando il vantaggio reciproco

 

Un altro dei principi della risoluzione dei conflitti e del negoziato è quello di generare opzioni di reciproco vantaggio.

Accade spesso che in una situazione di conflitto si pensi che non ci sia modo per tutti di trarre vantaggio dalla decisione finale.

Ciò ostacola il processo negoziale e in generale si verifica a causa di quattro ostacoli abbastanza frequenti: formulare giudizi prematuri, cercare risposte uniche, pensare che il conflitto abbia una forma fissa e pensare che la soluzione al problema sia il problema stesso.

Gli autori spiegano che attraverso un atteggiamento empatico possiamo cercare vantaggi reciproci.

In altre parole, possiamo offrire opzioni negoziali che favoriscono almeno in parte tutte le parti.

 

 

4. Privilegiare i criteri oggettivi

 

È raccomandano anche per gli autori di continuare a insistere sull’uso di criteri oggettivi fin dall’inizio dei negoziati.

Vale a dire, senza trascurare l’empatia e i vantaggi per tutti”, dobbiamo essere realistici e presumere che a volte ci saranno differenze che possono essere riconciliate solo a costi molto elevati, almeno per alcune delle parti in causa.

Pertanto, in questo caso, il negoziato deve essere condotto su una base indipendente dalla volontà delle parti interessate.

 

 

5. Considerazione dei rapporti di forza

 

Infine, gli autori spiegano che un’efficace risoluzione dei conflitti può essere improbabile nei casi in cui l’influenza, il potere e l’autorità siano attribuiti a una sola delle parti interessate.

In questo caso, negoziare significa cercare di non raggiungere un accordo su qualcosa che è totalmente contrario ai nostri principi o interessi, e cercare di sfruttare al massimo gli accordi e le decisioni finali, anche se vengono presi unilateralmente.

 

E tu… come risolvi i conflitti?

Lascia il tuo commento

 

Ti può interessare:  Come avere più pazienza

Consigli per studiare-lavorare

Visita il nostro BLOG

 

Mundo Meditar

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja