Come studiare senza annoiarsi

Come studiare senza annoiarsi: 6 consigli

 

come studiare senza annoiarsi

 

Diverse linee guida per rendere lo studio una sfida stimolante e interessante.

Per molti studenti, il problema non è tanto come passare o fallire, quanto come studiare senza annoiarsi.

E’ un dato di fatto che il divertimento non è di per sé uno dei valori promossi nel campo dell’istruzione.

Naturalmente non è questo l’obiettivo principale di questo tipo di apprendimento: lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze richiede sforzo e tempo.

Ma non fa mai male fare del tuo meglio per divertirsi.

Così in questo articolo vedremo solo alcuni suggerimenti per studiare senza annoiarsi, in modo che è possibile utilizzare l’esperienza sia per imparare e sperimentare una sfida stimolante, e di non sentirsi come hai sprecato il tuo tempo.

 

Come studiare senza annoiarsi, passo dopo passo

 

In un momento in cui sono disponibili sempre più informazioni ed è sempre più possibile apprendere tutti i tipi di tecniche e conoscenze, è fondamentale studiare.

Tuttavia, non tutti hanno la stessa facilità degli altri a mettersi al lavoro e ad aprire i loro libri e notebook.

Per alcune persone, è difficile investire il tempo e lo sforzo necessari per studiare per lunghe ore.

Le ragioni possono essere diverse, e a volte accade anche se si è interessati alla materia che si desidera conoscere.

Ad esempio, a volte il materiale in cui sono contenute le informazioni è molto criptico, non c’è modo di valutare i progressi, quindi la motivazione diminuisce.

Comunque sia, è possibile fare la nostra parte affinché la situazione cambi e lo studio diventi qualcosa che ci stimoli intellettualmente, andando oltre la semplice memorizzazione.

Vediamo come possiamo contribuire a questo, passo dopo passo.

 

1. Prestare attenzione all’ambiente di studio

 

Ci sono elementi ambientali che rendono difficile concentrarsi sullo studio.

Rivedere questo aspetto è il primo passo da compiere, perché altrimenti rischiamo di non essere in grado di concentrarci.

Occorre prestare particolare attenzione al livello di rumore, al tipo di luce (meglio quella naturale e meglio quella fluorescente), al comfort della sedia e del tavolo di fronte ad essa, alla presenza o meno di elementi di disturbo (televisori accesi, smartphone, ecc.).

 

2. Pianifica il tuo tempo di studio

 

Dovresti dedicare un po’ di tempo soltanto per lo studio, quindi questa è la priorità.

Per compensarlo, questo tempo deve durare tra i 15 e i 40 minuti.

Dopo 40 minuti, è preferibile fare delle pause di circa cinque o dieci minuti per poter tornare a studiare con rinnovata forza.

 

3. Stabilisce gli obiettivi

 

Sfida te stesso con il numero di pagine da studiare, in modo che si può riposare solo quando si è raggiunto quel punto.

A tal fine, naturalmente, questi obiettivi dovrebbero essere ragionevoli e, cosa molto importante, a breve termine.

Se gli obiettivi vengono fissati troppo avanti nel tempo, è più facile perderne l’interesse.

Tanto meglio se si può arrivare a loro in pochi minuti o poche ore.

In quest’ultimo caso, fissa mini-obiettivi di minuti, per dividere ulteriormente i progressi che ti faranno passare attraverso la piacevole situazione di ottenere ciò che si voleva più volte.

 

4. Utilizza tecniche mnemoniche

 

Queste tecniche ci portano a memorizzare i dati per vie mentali alternative a quelle convenzionali.

Ad esempio, comporre piccoli brani da rima con gli elementi di una lista, o associare parole con sensazioni o immagini che ti ricordano di loro.

Lo sviluppo di queste tecniche è come un’arte, ed è di per sé stimolante e divertente.

 

Forse ti interessa: “Il metodo dei loci, quasi infallibile per ricordare qualsiasi cosa”. 

 

5. Esaminare i sintomi mentali

 

Questo è probabilmente uno dei migliori consigli per studiare senza annoiarsi, a causa della sua spontaneità.

In qualsiasi momento, a caso, fai una domanda sul contenuto che stai studiando e rispondi a questa domanda nel miglior modo possibile.

Questo non è solo un modo per attivarsi mentre si studia, ma è anche un ottimo modo per assicurarsi che i ricordi sono ben consolidati nella memoria, dal momento che ti aiuta a rivedere mentalmente quello che hai studiato, e per individuare lacune nelle conoscenze ed errori.

 

6. Studiare in gruppo

 

Una volta iniziato a studiare, inizia a incontrare regolarmente gli altri studenti.

In questo contesto, si parlerà facilmente dei contenuti visti, si condivideranno dubbi e preoccupazioni, e si potrà anche dare una componente ludica e divertente alle sessioni di studio, che va bene purché non comporti interruzioni costanti.

In questo modo, emergerà un certo senso di competitività, che può indurci a dare il meglio di noi stessi.

La pressione dei pari ci porta a non voler essere quelli che sono in ritardo, e questo ci porta a vedere lo studio come una pista per avanzare, progredire, da un senso di sportività che è motivante.

 

Ti può interessare : Come studiare più velocemente

 

Visita il nostro BLOG

 

Musica per studiare meglio YouTube

 

E tu ? hai qualche tecnico su come studiare meglio ? 

Lascia il tuo commento.

 

Mundo Meditar

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja