Karma positivo e Karma nagativo

Karma positivo e Karma nagativo

Le 12 leggi buddiste per pulire il karma 

 

karma

 

 

Per gli Orientali, assumersi la responsabilità che ogni atto ha le sue conseguenze è uno dei principi fondamentali per vivere meglio. 

Ciò che siamo oggi è il risultato di ciò che eravamo ieri, di ciò che abbiamo fatto, delle persone che odiamo o amiamo e delle scelte che abbiamo fatto.

Quasi sempre è più facile vedere il risultato karmico nella vita di altri.

Ricordiamo subito che una persona che ora soffre di infedeltà era stata infedele, o vediamo come qualcuno che ha acquistato un prodotto rubato perché era più conveniente non se ne divertiva perché non durò a lungo nelle loro mani.

Alcuni identificano il karma esclusivamente con un debito riportato dalle vite precedenti.

Per la terza legge di Newton, causa ed effetto, tutto quello che facciamo ha una conseguenza.

 

Buddismo e Induismo: uno sguardo al karma

 

7,5 miliardi di persone vivono sulla Terra, il 55% appartengono a religioni monoteiste, pensano e sentono che c’è un solo Dio e che si sta occupando di tutta la questione.

Per il resto, che sono anche un sacco, ci sono innumerevoli divinità che si occupano di tutte le questioni della vita e della morte.

Al di là di quanto la percezione del divino sia, personale o plurale, l’esistenza di qualcosa di superiore che gestisce i destini è insita nell’uomo.

C’è in tutti gli uomini un profondo senso di spiritualità, una comprensione trascendente della realtà, o un senso di essere “connessi”.

Quindi, il sospetto che ci sia qualcosa di più del materiale e del concreto.

 

L’effetto farfalla

 

La rete di relazioni interpersonali che ci circonda è intensa ed enorme.

Prima di tutto, l’effetto farfalla esiste.

Abbiamo influenzato l’ambiente ogni giorno con le cose più semplici: quello che buttiamo per strada, il messaggio sul cellulare che abbiamo guardato poco prima del incidente nel incrocio, anche quella e-mail che abbiamo inviato a un vecchio nemico per errore.

La somma delle interrelazioni e delle dipendenze è infinita.

Incontriamo qualcuno che non vediamo da molto tempo, sorprendentemente e in un luogo insolito: “Che cosa stai facendo qui? così tanto tempo!

Mentre per un gran numero di persone, il caso ha un nome: karma.

Il karma è inteso come il risultato di un movimento precedente.

E dobbiamo ricordare che a causa della rete interconnessa che ci unisce e ci collega con tutto ciò che esiste, ogni movimento genera una risposta.

Tutto, comprese le emozioni che proviamo verso gli altri e i pensieri che abbiamo su qualcosa.

 

I tipi di karma

 

Tradizionalmente, il karma è stato separato in tre diversi tipi di risposte, che sono le seguenti:

 

1. Prarabdha karma:

karma di manifestazione emotiva.

karma automatico che viene ricevuto e percepito istantaneamente, come quando facciamo qualcosa che ci fa sentire utili o infelici.

 

2. Sanchita karma:

karma di manifestazione mentale.

Di conseguenza, questo karma è nella nostra mente e si riferisce a ricordi, negativi o positivi, di qualcosa che abbiamo fatto e a cui non possiamo smettere di pensare.

 

3. Agami karma:

karma di manifestazione fisica.

Gli effetti sul futuro a causa delle nostre reazioni attuali e che vivremo nel flusso della nostra vita.

 

Quindi, come possiamo migliorare la nostra vita se riceviamo sempre le risposte alle nostre precedenti cattive decisioni?

Di conseguenza, conoscendo le regole possiamo cambiare la risposta karmica.

 

Le leggi buddiste per migliorare la risposta Karmica

 

1. Legge fondamentale: quello che fai, lo ricevi.

2. Legge della creatività: ognuno è il creatore delle esperienze della sua vita, visualizzare il tuo mondo e fare l’azione giusta.

3. Legge dell’umiltà: essere grati ci permette di evolvere, nulla è nostro, tutto appartiene all’esistenza.

4. Legge della responsabilità: tutto ciò che ci accade è conseguenza delle nostre azioni, dei nostri pensieri e dei nostri sentimenti, siano essi del passato o del presente.

5. Legge di connessione: tutto è interconnesso, tutto ciò che viene fatto ha un effetto sugli altri. Trattiamoci l’un l’altro nel modo in cui vogliamo essere trattati.

6. Legge dello sviluppo: l’unica cosa permanente è il cambiamento, e il cambiamento è la crescita.

7. Legge di focalizzazione: la via da seguire è passo dopo passo, il punto di vista sull’obiettivo, ma rimanendo nel presente.

8. Legge della generosità: per vivere una vita abbondante devi essere generoso, ciò che dai, ricevi.

9. Legge del presente: il passato è passato e il futuro non è arrivato, puntando sul presente senza lamentarsi o punirsi per quello che si vive (mantenendo la legge del fuoco).

10. Legge del cambiamento: non possiamo cambiare la realtà che sperimentiamo prendendo le stesse decisioni.

11. Legge della pazienza: ogni cosa ha un tempo di evoluzione che deve essere rispettato. I movimenti iniziati in passato devono essere esauriti.

12. Legge di ispirazione: fare tutto completamente, mettendo il corpo, la mente e l’anima per raggiungere il massimo disponibile.

 

Oggi uno dei grandi maestri spirituali dell’India è Amma,

Dice: “Una cosa è certa: sperimentiamo solo i frutti di quello che abbiamo seminato.

Ma quando soffriamo non dobbiamo lamentarci pensando di essere ‘peccatori’.

Rendendosi conto che ora stiamo vivendo i frutti delle nostre azioni negative passate e che non dobbiamo ripeterle, dobbiamo prendere la decisione di riempire il resto della nostra vita con azioni positive.

 

Probabilmente tu credi nel Karma, che ne pensi ? Lascia il tuo commento.

Ti può interessare: Vivere nel QUI ED ORA – Vivere il presente

Infine, puoi visitare il nostro BLOG per saperne di più

 

Mundo Meditar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Optimized with PageSpeed Ninja